Sciroppo di Rose

Lo Sciroppo di Rose oltre a proporlo nei nostri menu lo vendiamo anche, in vari formati, agli amanti di questo prodotto.

Caro diario e cari amici,

Oggi il programma di lavoro mi ha portato a Prelà Castello.
Nonostante le temperature rigide alle prime luci del giorno non è mancata la corsa fino a Prelà Castello (correre è un eufemismo: il mezzo agricolo fa massimo i 40 Km all’ora. Vuoto e in discesa). C’è voluta un’ora di viaggio per arrivare a destinazione e poi ho iniziato a decespugliare l’oliveto e l’orto. Ma soprattutto ho iniziata la pulizia e la concimazione del roseto: via i rami secchi, spuntatura dei rami troppo lunghi e ricca innaffiatura con acqua di fonte.

Dal raccolto dell’anno scorso.

Ora non resta che aspettare che arrivi maggio così inizierà la raccolta dei profumatissimi boccioli di rosa con cui faremo il nostro sciroppo “Le Rose del Castello”. Lo avete mai assaggiato?
E’ una vera delizia, profumato e aromatico. Lo offriamo agli ospiti del ristorante sia nel nostro aperitivo della casa che come complemento dei nostri dolci a fine pasto.
Lo sciroppo di rose si può fare con rose “antiche” selezionate appositamente per questo scopo. Le coltiviamo a Prelà Castello perchè l’altitudine fa sì che ci siano meno insetti dannosi per le rose: cosa fondamentale dal momento che non si possono usare insetticidi.
La preparazione, in linea con la tradizione del Genovesato, è alquanto laboriosa, soprattutto per la fase di raccolta e di pulizia. Infatti i petali devono essere raccolti in piena fioritura e in pieno sole, praticamente tutti i giorni, perché queste rose hanno una fioritura effimera che dura solo poche ore. Dopodichè occorre pulire i petali a mano in modo da togliere i pochi insetti presenti e dare inizio alle fasi di estrazione.
Il risultato finale ci ripaga di questa fatica.
Speriamo di potervelo far assaggiare molto presto festeggiando insieme, con un calice di aperitivo, la riconquistata libertà.

Speriamo a presto!

Pagina 3