Caro diario e cari amici,

La piantasse sarebbe meglio. D’accordo che marzo è considerato “pazzerello”, ma ripeto, la piantasse di cambiare così repentinamente umore sarebbe meglio per i miei lavori.
Ieri mattina, dopo 2 giornate strepitose (e lì capisci perché molta gente si sobbarca chilometri e chilometri per venire in Liguria, quando non c’è allerta), naturalmente il tempo è diventato uggioso. Ma tanto uggioso. Faccio il contadino, e cerco di vedere il lato positivo di quello che la natura mi offre; dopo una settimana di freddo e, soprattutto, di vento che ti portava via, ecco un po’ di calma: finalmente riesco a bruciare le potature di olivo sparse per le fasce da una settimana. E un lavoro è fatto. L’unico.
Da quel momento il cielo ha pensato bene di preoccuparmi assumendo dei colori che spaziavano dal “adesso arriva la bufera” al “ e mò te affogo”. In questi casi, so per esperienza, che è meglio evitare di iniziare lavori per cui poi ti troveresti perso sotto un nubifragio. Ricordatevi che la pioggia è subdola. Rimane pazientemente appesa lì, anche per tutto il giorno, aspettando che tu sia allo scoperto e lontano da ogni riparo. Poi colpisce. Non è leggenda, è realtà!

Mi sono barcamenato tutto il giorno con piccoli lavoretti, e per prepararmi per oggi ho guardato le previsioni del tempo. 

Io, di norma , controllo due siti di meteorologia. Uno è Italiano, l’altro invece è MeteoFrance (guardo le previsioni di Menton); capita che non vadano d’accordo, e allora io prendo per buono quello che mi viene meglio. Lo so è irrazionale, ma ogni tanto mi piace illudermi. Per oggi il sito italiano dava 4 gocce all’alba, MeteoFrance dava piogge decisamente più intense. Bene – mi sono detto, dando credito al sito Italiano – posso passare la motozappa! Avevano ragione i Francesi (ça va sans dire!), e così stamattina all’alba sono stato svegliato da un violentissimo acquazzone che ha reso impraticabili gli orti. E così sono saltati tutti i programmi.
E qualcuno dirà.- Ma in campagna va sempre tutto storto?- Assolutamente no. Anzi, tralasciando il fatto che comunque in Liguria il mugugno è libero, accadono in continuazione cose belle. Ma quelle, forse, le diamo per scontate.

E oggi, alla fine della giornata, la cosa bella è accaduta. Tutte le piantine che avevo ordinato sono arrivate, e anche puntuali. Loro, assieme ai vasetti che ho seminato nei giorni scorsi mi dicono che la nuova stagione agricola è finalmente iniziata. Si mettono le basi per il buon raccolto futuro e torna la speranza. E sa il Cielo se abbiamo bisogno di speranza. Specie in questo periodo.

A presto!

Pagina 5